Cessione quote Srl dal Commercialista conosciamo la procedura di comunicazione senza l’ausilio del Notaio

Cessione quote Srl Commercialista - Mason & Stone - Studio Legale Tributario

Come avviene la cessione di quote Srl dal commericalista

Attraverso l’introdotta novità è possibile effettuare un’acquisizione o cessione di quote senza la necessità di recarsi dal Notaio e di affrontare i costi relativi a un atto pubblico

Hai già letto l’articolo di presentazione sulla Cessione di quote in una Srl?

LEGGI QUI

La procedura è più semplice e per questo meno dispendiosa.
Grazie a questa nuova modalità, c’è stato un sostanziale incremento delle cessioni, ed un abbattimento del costo. Difatti, incaricando un Dottore Commercialista, si stima un risparmio compreso tra le 800/900 euro. L’ingente risparmio è dato dall’utilizzo di due procedure diverse:

  • il Notaio si serve della firma autografa;
  • mentre il Commercialista, utilizza la firma digitale

La firma digitale, consente, l’espletamento della pratica in un lasso di tempo inferiore: non bisognerà attendere l’evasione della Camera di Commercio per ritenere la cessione effettuata, ma avrà valenza dallo stesso giorno in cui viene apposta la firma digitale con la relativa marcatura.

Verifiche e procedura di cessione con un Commercialista

Vediamo ora il percorso che renderà la pratica realizzabile: il Commercialista incaricato dovrà effettuare una serie di controlli preventivi, pari a quelli che effettuerà il Notaio. Questo iter, permetterà di valutare la fattibilità, limitazioni o impedimenti di vario genere. Si evidenzia come, con l’entrata in vigore delle disposizioni contenute nell’art. 16 comma 12 quater e segg. legge n. 2/2009, è notevolmente cresciuto il ruolo pubblicitario del registro delle imprese, aumentando quindi l’importanza delle attività di accertamento delle informazioni ricevute. Infatti, il Commercialista deve auto-dichiarare di aver compiuto tali verifiche, attraverso una autocertificazione che contenga l’attestazione della propria qualifica e di non avere in corso a proprio carico provvedimenti disciplinari ostativi all’esercizio della sua stessa professione, incarico ricevuto dalle parti e verifica delle clausole statuarie.

  • effettuare l’identificazione, la reale intestazione della quota in capo al cedente (attraverso il Registro delle Imprese) e la capacità di agire delle parti;
  • esaminare stato civile e regime coniugale del cedente (se risulta esserci la comunione dei beni sarà necessario ricevere l’autorizzazione da parte del coniuge);
  • che la quota non sia gravata da pegni, ulteriori oneri ed accertare l’assenza di eventuali diritti di terzi o di vincoli di Statuto che renderebbero nullo l’atto;
  • le clausole statuarie che contengono riferimenti con cui si esclude la trasferibilità delle quote e diritti di prelazione.

Cessione quote Srl Commercialista - Mason & Stone - Studio Legale Tributario

“In virtù dei requisiti citati sopra, il Commercialista predisporrà l’atto digitale: sarà inviato sia all’Agenzia delle Entrate che alla Camera di Commercio”

Documentazione richiesta per la cessione

Nella praticità, se doveste scegliere il Dottore Commercialista per la realizzazione della cessione quote, la documentazione che dovrà essere messa a disposizione del professionista incaricato riguarderà:

  1. copie del documento di identità in corso di validità e codice fiscale delle Parti;
  2. copia dello statuto ed eventuali patti parasociali;
  3. visura aggiornata della società (non superiore ai sei mesi);
  4. eventuale dichiarazione di rinuncia al diritto di prelazione da parte dei soci che non intervengono nell’atto.

Abbiamo già visto una prima essenziale differenza tra la cessione di quota effettuata dal Notaio e quella effettuata dal Dottore Commercialista, evidenziata dall’utilizzo della firma autografa nel primo caso e dall’utilizzo della firma digitale nell’altro. A tal proposito, sarà necessario per il Cliente munirsi di firma digitale, (smar card o token usb, tramite il quale il titolare può firmare digitalmente i propri documenti) sia del cedente (chi vende) che del cessionario (colui che acquista).

Il contratto preliminare per una cessione

Così come avviene nella negoziazione di immobili, anche nella cessione delle quote di una società a responsabilità limitata, si stila anticipatamente un contratto preliminare, che altro non è che una promessa di vendita e di acquisto. Le parti concordano che, in tale data e al tale prezzo, saranno cedute dette quote. Il preliminare indica tutte le clausole e le informazioni necessarie atte a dar luogo alla compravendita. Questo stesso preliminare può essere prodotto dal Commercialista sotto forma di scrittura privata.

Dopo aver stipulato l’atto, il Commercialista lo registra presso l’Agenzia delle Entrate tramite il servizio “Entratele/em>” e, una volta ricevuta conferma di avvenuta registrazione, lo trasmette al Registro delle Imprese. Solo il Notaio o il Dottore Commercialista possono procedere con l’invio dell’atto poiché muniti di specifica autorizzazione/accreditamento. Senza l’intervento di registrazione e comunicazione al Registro Imprese, la scrittura viene definita privata e la compravendita, nello specifico, avrà effetto solo tra le parti.

Cessione quote Srl Commercialista - Mason & Stone - Studio Legale Tributario


L’atto di cessione quote è considerato un atto delicato che i professionisti redigono

Dati riportati nell’atto di cessione

L’atto di cessione quote è considerato un atto delicato che i professionisti redigono. Le verifiche, come abbiamo visto, risultano non solo essenziali ma un obbligo di legge. Gli elementi riportati nell’atto sono molteplici e specifici e la stesura dipenderà dal Professionista che la esegue. I dati che andranno riportati sono:

  1. il valore nominale della quota ceduta;
  2. il prezzo di cessione;
  3. le modalità di pagamento e tempistiche (se prima dell’atto o alla sottoscrizione);
  4. se si tratta si pagamento dilazionato bisognerà inserire numero, importo e scadenza delle rate ed eventualmente delle garanzie prestate;
  5. in caso di diritto di prelazione a favore di ulteriori soci è necessario farsi firmare dagli altri soci la rinuncia al diritto stesso di prelazione;

Il tempo richiesto dalla Camera di Commercio per l’evasione della pratica varia da 1 giorno lavorativo ad un massimo di 30, a partire dalla data di apposizione di tutte le firme digitali. Ricordiamo che la cessione ha effetto sin dalla marcatura temporale espressa sul documento dal Dottore Commercialista. L’atto deve essere predisposto nell’assoluto rispetto della vigente normativa che ne regolamenta anche la struttura e le specifiche, per esempio, il formato richiesto (pdf/A) è obbligatorio per tutti gli atti che vengono depositati al Registo delle Imprese come disposto dell’art. 11, comma 4, del d.p.r. 581/95.

Vai all’approfondimento di presentazione sulla Cessione quote in una Srl,

LEGGI L’ARTICOLO

Per ricevere maggiori informazioni o una consulenza per la tua azienda, puoi inviare una richiesta senza impegno allo Studio.